CASA AD ALTA EFFICIENZA ENERGETICA A SCARMAGNO (TO)

Tipologia costruttiva

Abbiamo progettato una villetta autosufficiente con tecnologie locali nel comune di Scarmagno.

Il progetto scelto e finanziato dalla Regione Piemonte, come edificio dimostrativo replicabile, si caratterizza per la tecnologia costruttiva in cemento armato, che incontra la cultura della tradizione edile del territorio. Il cemento armato non è una soluzione comune nell’edilizia a basso consumo, che predilige il legno. Però se progettata con i dovuti accorgimenti è altrettanto performante. Ne sono convinti il committente e la stessa Regione Piemonte che ha finanziato in parte il progetto.

Isolamenti

Le pareti sono state realizzate in laterizio alveolato + lana di vetro+ barriera vapore in carta di alluminio. (Trasmittanza termica totale 0,156 W/mqK), avvolgendo nell’involucro anche i pilastri. Per correggere i ponti termici dovute alle strutture a sbalzo si è fatto uso di elementi appositi che permettono di ricostruire la continuità dell’isolamento. Molta cura è stata posta anche negli isolamenti orizzontali.

 

 

L’edificio è stato di recente pubblicato sulla rivista tecnica di edilizia sostenibile Casa & Clima (settembre 2010)

Autosufficienza dal tetto

L’inclinazione della copertura verso sud/sud ovest è tale da massimizzare la resa di impianti fotovoltaici e collettori solari integrati.

I pannelli fotovoltaici sono dimensionati per una potenza di 3 Kwp in grado di produrre circa 3300 Kwhe/anno.

E’ stato inoltre previsto un accumulo inerziale da 1000 litri dotato di scambiatore per acqua calda collegato ai collettori solari per il riscaldamento di acqua domestica e integrazione del riscaldamento a pavimento.

Una pompa di calore alimentata dai pannelli fotovoltaici fornisce una resa massima di 6,9 KW termici con un consumo di 1,8 KW elettrici. Per il raffrescamento estivo la pompa di calore sfrutterà in freecooling le acque meteoriche recuperate in una vasca sotterranea da 3,5 mc.

Valutazione del bilancio energetico ed ambientale

Questa dotazione impiantistica pone l’edificio ai vertici dell’edilizia ad alta efficienza. Edificio in classe A+

Prudenzialmente sono stati esaminati i seguenti parametri: per la pompa di calore la stima del COP è stato valutato inferiore del 25% rispetto a quello dichiarato dal produttore; pertanto l’energia elettrica necessaria per produrre 2500 KWht è risultata di circa 850 kWhe. Ipotizzando un fabbisogno di energia per altri usi della casa di 2400 KW, si ottiene un fabbisogno energetico inferiore alla produzione prevista di 3500 Kwhe.

In conclusione si può ragionevolmente affermare che l’obbiettivo è stato raggiunto. Energia primaria: zero MJ = zero tep